Bloody Mary

The Red Cocktail!

2.182

Il Bloody Mary è un cocktail i cui ingredienti principali sono succo di pomodoro e vodka. In genere contiene succo di limone, sale, pepe, Worcestershire e salsa piccante.

La prima versione di questo cocktail fu ad opera di Fernand Petiot nel 1921, mentre lavorava all’Harry’s New York Bar di Parigi.

La storia inizia a confondersi, quando nel 1939 la rubrica di gossip di Lucius Beebe This New York, apparve una ricetta di un drink chiamato Bloody Mary. Nero su bianco era scritto:

“Il più recente pick-me-up di George Jessel che sta ricevendo attenzione dai paragrafi della città si chiama Bloody Mary: metà succo di pomodoro, metà vodka”.

George Jessel, paradossalmente non era un bartender, ma un semplice comico, noto per aver frequentato il 21 Club di New York.

Nel 1964 Fernand Petiot, difendendo il suo onore e la potestà di inventore della sanguinosa bevanda, affermò di aver creato il moderno Bloody Mary nel 1934 basandosi sull’intruglio di Jessel: “Ho inventato io il Bloody Mary di oggi. Jessel ha detto di averlo creato lui, ma in realtà non era altro che vodka e succo di pomodoro inizialmente. Io invece ho usato lo shaker per mescolare i due ingredienti aggiungendo quattro granelli di sale grosso, due grani di pepe nero, due grani di pepe di Caienna e uno strato di salsa Worcestershire; quindi, ho aggiunto un goccio di succo di limone e un po’ di ghiaccio tritato”.

La diatriba non è finita qui, perché ci sono anche altre versioni su come sia nato questo drink. Nel 1942, Life Magazine tentò di affermare che sia stata una propria invenzione, rinominandolo “The Red Hammer“, la cui ricetta conteneva in pochi ingredienti: succo di pomodoro, vodka e succo di limone. Altro tentativo maldestro di imitazione fu il “The Red Snapper“, una versione che utilizzava il gin al posto della vodka.